Lightroom
Anche tu ti chiedi cosa è Lightroom? Sappi che nel flusso di lavoro di un fotografo, la post-produzione è parte integrante del processo produttivo e creativo. Quindi è da considerare come irrinunciabile. Così come con la fotografia analogica doveva necessariamente passare per lo sviluppo in camera oscura, la fotografia digitare deve passare per la post-produzione. In parole povere la post-produzione corrisponde allo sviluppo della pellicola.

Al giorno d’oggi quasi tutte le fotocamere moderne (ma anche gli smartphone di fascia alta) producono due tipi di file quando scattiamo una fotografia: jpeg e RAW. Il jpeg è un file compresso che subisce un’elaborazione da parte del processore di immagine della fotocamera, secondo dei parametri preimpostati dalla casa produttrice. Il file Raw invece è praticamente un file grezzo che non subisce alcun tipo di elaborazione o compressione e conserva tutti i dati catturati dal sensore della fotocamera.

Quest’ultimo corrisponde al negativo nella fotografia analogica. Serve un processo di sviluppo o post-produzione per poter utilizzare questo tipo di file, ed è proprio qui che entra in gioco Adobe Lightroom.

COSA E’ LIGHTROOM?

Cosa è, quindi, Lightroom? detto molto semplicemente è un software di conversione di file RAW. In realtà fa molto di più. Ci permette di organizzare, catalogare e ricercare le nostre foto, eseguire la post-produzione, stampare e condividere le nostre immagini, tutto in un unico ambiente coerente e integrato. Questo programma infatti nasce in risposta ad un’esigenza condivisa tra i fotografi, cioè quella di poter processare in maniera veloce e qualitativa un grande numero di file RAW potendo allo stesso tempo archiviare ed organizzare i file in modo efficace.

INTERVENTI NON DISTRUTTIVI

La caratteristica più importante di Adobe Lightroom e il carattere non distruttivo di tutti gli interventi di elaborazione che facciamo sui file. Il software, infatti, salva tutte le modifiche che facciamo, in un file separato con estensione .XMP il quale non è altro che un file di testo, lasciando inalterato il file originale.

Questo sistema di lavoro offre dei grossi vantaggi dal punto di vista della gestione dei file e del flusso di lavoro. Vediamo quali sono:

  1. In primo luogo ci offre la possibilità di annullare tutto. In caso di errore possiamo rifare il lavoro di post-produzione, in quanto il file originale non viene modificato.
  2. Da la possibilità di creare più versioni della stessa foto attraverso le copie virtuali, senza dover duplicare il RAW. Questo permette di risparmiare grandi quantità di spazio nel disco rigido. I file XMP, infatti, essendo file di testo occupano pochissimo spazio di archiviazione.

SINCRONIZZAZIONE DEI FILE

Un’altra caratteristica molto importante di Adobe Lightroom che tende a velocizzare notevolmente il flusso di lavoro dei fotografi è la sincronizzazione delle modifiche di un file con tutti gli altri della stessa sessione. Capita spesso in una sessione fotografica di ritrovarsi con un certo numero di foto simili alle quali bisogna correggere un piccolo errore di esposizione o bilanciamento de bianco, per esempio.

In questi casi, sincronizzando le correzioni di questi file, si può velocizzare notevolmente il flusso di lavoro. Inoltre saremo sicuri di ottenere un risultato coerente tra tutti i file della serie. Può tornare molto utile nel caso della realizzazione di fotografie HDR. Supponendo per esempio di dover rimuovere delle macchie generate dalla polvere sul sensore, si può intervenire una sola volta generando un risultato coerente su tutti i fotogrammi.

E’ possibile sincronizzare tutti i parametri di modifica applicabili alle immagini o selezionarne solo alcuni. E’ comunque consigliabile fare attenzione alla sincronizzazione di alcuni parametri, soprattutto quelli che agiscono al livello dei pixel. Questi potrebbero dare dei risultati inaspettati.

INFINITE POSSIBILITA’

Con i piani di abbonamento Adobe si può, inoltre, usufruire di uno spazio di archiviazione cloud che ti permette anche di avere accesso ai file da diversi dispositivi. Inoltre, è possibile elaborare le foto a risoluzione massima da qualsiasi postazione: sui dispositivi mobili, nel web o sul desktop. Tutte le modifiche effettuate su un dispositivo saranno applicate e visibili automaticamente ovunque. Anche questa è una funzione che tende a velocizzare di molto il flusso di lavoro e che rende questa applicazione sempre più indispensabile.

In conclusione per chi ha a cuore il risultato finale dei propri scatti e vuole avere il completo controllo su tutto il flusso di lavoro. Per chi ama la flessibilità e desidera lavorare in mobilità, Lightroom è lo strumento ideale. Ha un eccellente gestione dei file RAW.

Inoltre viene aggiornato costantemente da Adobe. Sono resi disponibili nuovi strumenti e funzionalità che consentono di elaborare i file RAW con tecnologie migliori per risultati che possono migliorare sensibilmente da una versione all’altra. Per chi è interessato a mantenere ben organizzato il proprio archivio fotografico, Lightroom fa un eccellente lavoro grazie alla struttura a database relazionale del suo catalogo.

Ovviamente questo vuole essere semplicemente un articolo di presentazione di questo eccellente software. Se stai cercando un programma per la post-produzione e gestione delle tue fotografie, questo è sicuramente quello che fa per te.

Puoi vedere tutti i piani di abbonamento al seguente link:

Piano Fotografia Adobe
Share: