Sony A7 III: la mirrorless tuttofare – Recensione

Sony A7 III: la mirrorless tuttofare – Recensione

Le fotocamere mirrorless hanno invaso il mercato, ormai in maniera definitiva, attirando l’attenzione di molti fotografi ed appassionati. Sony, in questo settore, non è seconda a nessuno, con la sua serie alpha con sensori full frame, in grado di competere con qualsiasi altro tipo di fotocamera, dalle reflex digitali alle concorrenti mirrorless.

Sin dal 2014, quando la A7 e la A7R sono entrate nel mercato, Sony ha cercato di offrire dei prodotti abbastanza specializzati. La A7 è il modello di base, la entry level. La A7S specializzata nei video, mentre la A7R il modello di punta, pensata per quei fotografi che desiderano il massimo della qualità.

Questa volta, con la Sony A7 III, la casa produttrice mostra un’inversione di tendenza, immettendo sul mercato una fotocamera tutto fare, che possa attirare l’attenzione di un pubblico più ampio di fotografi, anche con un prezzo più accessibile. Difficile pensare alla A7 III come un aggiornamento della versione precedente. Sony è riuscita ad apportare migliorie a questa fotocamera sotto quasi tutti gli aspetti. Sensore migliorato, velocità di scatto più rapida, sistema AF più avanzato, schermo sensibile al tocco, interfaccia utente migliorata, registrazione video 4K, maggior durata della batteria, stabilizzazione d’immagine più efficace, doppio slot per schede sd e molto altro.

Sony A7 III
Sony A7 III – Fotocamera Mirrorless Full Frame

CARATTERISTICHE PRINCIPALI

  • Sensore BSI CMOS full frame da 24 megapixel
  • Sistema AF con 693 punti a rilevamento di fase e copertura del 93% della superficie disponibile
  • Video in 4K a 24 fps
  • Stabilizzatore d’immagine a 5 assi nel corpo macchina
  • Raffica da 10 scatti al secondo
  • Mirino elettronico da 2,36 milioni di pixel
  • Joystick per gestione della messa a fuoco
  • Touchscreen
  • Batteria di lunga durata (circa 700 scatti)
  • Doppio slot per le schede di memoria
  • Porta USB-C

PRINCIPALI MIGLIORAMENTI

Pur restando invariata la risoluzione di 24 megapixel, il sensore full frame retroilluminato è stato completamente riprogettato. Migliora sotto gli aspetti di qualità dell’immagine come la nitidezza, una maggiore gamma dinamica e rumore digitale ridotto. Questo grazie al suo design BSI CMOS. Se non si ha necessità di una risoluzione maggiore, con questa fotocamera si sarà in grado di scattare in qualsiasi situazione, anche con scarsa illuminazione.

Affiancato dal processore BIONZ X di ultima generazione, il sensore della Sony A7 III, permette di leggere i dati nella metà del tempo rispetto alle precedenti versioni. Anche il sistema di auto focus è stato notevolmente migliorato. I punti di messa a fuoco sono passati da 117 a 693 (AF a rilevamento di fase a 693 punti – AF a rilevamento di contrasto a 425 punti).

Un’altra importante miglioria riguarda la durata della batteria. Infatti, la Sony A7 III è equipaggiata dalla battaria “Z-Type” che garantisce un’autonomia di 700 scatti. Il doppio rispetto alla precedente versione. Molto apprezzato anche il doppio slot per le schede di memoria, che garantisce anche un eventuale backup delle foto realizzate.

CORPO DELLA SONY A7 III

Il corpo della Sony A7 III porta alcuni notevoli perfezionamenti che si traducono in una migliore esperienza complessiva di ripresa. Il corpo è più pesante. Il suo peso si attesta sui 650 gr, rispetto ai 600 della Sony A7 II ed è leggermente più grande. In questo modo è decisamente migliorata l’ergonomia e l’impugnatura risulta più salda grazie anche ad un miglior grip .

La qualità costruttiva di questa Sony A7 III è degna di una fotocamera di punta. Ha un corpo in lega di magnesio impermeabile, ed una trama gommata nell’impugnatura che migliora il grip. Molto apprezzata l’aggiunta del joystick AF che semplifica la scelta dei punti di messa a fuoco quando si scatta attraverso il mirino. Se invece si scatta con il live view e possibile selezionare i punti di messa a fuoco attraverso le funzionalità touch. Sony ha anche fatto molto per migliore l’usabilità dell’interfaccia utente.

Sony-A7III-corpo

Guardando la fotocamera dall’alto troviamo il tasto di accensione ed il pulsante di scatto, la ghiera dei programmi e quella della compensazione dell’esposizione. Inoltre, sono presenti anche due tasti programmabili, utili per chi lavora spesso con gli stessi menu. Una cosa di cui qualcuno potrebbe sentire la mancanza, è la presenza di un pannello LCD come nella Nikon Z6 per esempio.

Nella parte posteriore trova posto il display LCD Touch screen da 3 pollici. Il display è orientabile solo verso l’alto ed il basso. A mio parere questa è una caratteristica migliorabile. Un display orientabile a 360° sarebbe una caratteristica molto apprezzata, soprattutto da coloro che si occupano di video come youtuber e vlogger in genere. Sono presenti altri due tasti personalizzabili, il tasto rec per la registrazione video, una ghiera per la selezione delle varie voci di menu ed il joystick AF. Appena sotto il joystick troviamo il pulsante Fn che visualizza un menu rapido personalizzabile che puoi impostare secondo le tue preferenze di scatto.

Sony-A7III-corpo

lateralmente sono disposte le varie porte di connessione. Nello specifico una porta per le cuffie ed una per il microfono, una micro HDMI, una porta USB-C per la ricarica e una micro USB. Dal lato opposto invece sono presenti due slot per le schede di memoria.

Sony-A7III-3
Sony A7 III
Sony A7 III – Fotocamera Mirrorless Full Frame

PRESTAZIONI DELLA SONY A7 III

Le performance della Sony A7 III rendono questa fotocamera particolarmente affascinante. Grazie al potente processore BIONZ X riesce di scattare raffiche fino a 10 scatti al secondo. Un ottimo risultato, anche se qualcuno ha registrato un leggero ritardo nel mirino quando si scatta a 10 fps. Il sistema di Auto Focus è davvero impressionante, sia per la sua copertura della quasi totalità del fotogramma (i suoi 693 punti ricoprono il 93% del frame), sia per la sua velocità. Sono cinque le modalità di messa a fuoco selezionabili: AF-S (scatto singolo), AF-C (scatto continuo), AF-A (una combinazione di AF-C e AF-S che consente alla fotocamera di passare da una modalità all’altra automaticamente in base alle condizioni di ripresa), MF (messa a fuoco manuale), DMF ( una combinazione di AF e MF che consente di perfezionare l’accuratezza della messa a fuoco automatica intervenendo manualmente).

Qualità dell’immagine

Questa fotocamera mirrorless non manca di una elevata qualità di immagine. Anzi posso dire che uno dei suoi maggiori punti di forza è la capacità di produrre immagini dall’elevata nitidezza. Grazie anche alla sua risoluzione di 24 megapixel, ad un filtro Anti-Aliasing debole e ad un algoritmo di elaborazione d’immagini molto evoluto. Altri punti di forza di questa fotocamera sono una eccezionale gamma dinamica di ben 15 stop, secondo quanto dichiarato da Sony, ed elevate prestazioni in condizioni di scarsa illuminazione. Il rumore causato dalla scarsa illuminazione è gestito in maniera ottimale anche ad ISO molto elevati. Inoltre lo stabilizzatore di immagine a 5 assi interno al corpo della fotocamera aiuta ad ottenere il miglior risultato anche nelle condizioni più difficili.

Sony A7 III qualità foto
Sony A7 III qualità foto

Qualità Video

Sony è diventata una realtà molto forte nel settore della registrazione video con le sue ultime fotocamere. La Sony A7 III non fa eccezione, dimostrando l’impegno della casa produttrice di restare al vertice in questo settore. La A7 III è in grado di registrare video in 4K a 24 fps  sovracampionati da una lettura del sensore 6K che restituisce un ottimo risultato in termini di nitidezza e ricchezza di dettagli. tutto senza applicare alcun tipo di ritaglio al campo visivo. C’è anche la possibilità di registrare video in Full HD 1080p in Slow Motion (120 fps).

Di seguito puoi vedere un esempio di ciò che questa fotocamera può realizzare:

CONCLUSIONI SULLA SONY A7 III

Per concludere posso dire che questa mirrorless è una di quelle rare fotocamere che presentano molti aspetti positivi e pochi difetti. Riesce a coprire ogni area della fotografia e della videografia, in modo da soddisfare la maggior parte degli utenti, sia professionali che appassionati. La risoluzione di 24 megapixel potrebbe scoraggiare qualcuno, soprattutto per coloro che lavorano nel settore della fotografia commerciale. In tutti gli altri settori questa è ancora una risoluzione più che dignitosa.

Ottimo anche il rapporto qualità-prezzo.

Sony A7 III
Sony A7 III – Fotocamera Mirrorless Full Frame
Istogramma fotocamera
Previous post
Istogramma: Verificare la corretta esposizione
Nikon Z50 Recensione
Next post
Nikon Z50, la prima mirrorless DX della casa nipponica

No Comment

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*

Back
SHARE

Sony A7 III: la mirrorless tuttofare – Recensione

Resta aggiornato, iscriviti nostra alla newsletter!

Ami la Fotografia e vuoi approfondire le tue conoscenze per portare le tue fotografie ad un livello superiore? Iscriviti alla newsletter; ecco cosa riceverai entrando a far parte della nostra community:

  • E-mail settimanale con tutti gli aggiornamenti
  • Contenuti esclusivi riservati agli iscritti
  • Offerte e promozioni
Chiudi popup

Condivideremo le tue informazioni solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Consulta la Privacy Policy